it-swarm.it

Come scegliere tra web hosting e cloud hosting?

Come scegliere tra il normale web hosting e il cloud hosting, quali sono i punti chiave che possono semplificare questa decisione.

Tutto ciò che posso fare nel normale web hosting è possibile nel cloud one? In breve, quando scegliere quale?

20
Amr Elgarhy

Penso che tu stia semplificando eccessivamente i tipi di hosting che potresti ottenere. Eccoli, per cosa sono buoni e per cosa non sono così buoni:

Hosting condiviso

Sei su un server con potenzialmente centinaia di altre persone. Esistono limiti predefiniti, come la quantità di spazio su disco/database che è possibile avere e la quantità di dati che è possibile trasferire al mese. Questo è il più economico di tutti, a volte solo $ 3/al mese, ma attenzione: non appena il tuo sito inizia a consumare più delle risorse minime, sarai sospeso e ti verrà chiesto di eseguire l'aggiornamento.

Inoltre, cose come PHP/SSH/etc sono configurate in modalità 'paranoica'. Potresti non avere accesso a determinate funzioni e devi dipendere dal tuo Host per installare le cose di cui potresti aver bisogno (ad esempio Subversion/Mercurial).

Questo è utile per le persone che vogliono ospitare un sito personale o di tipo biglietto da visita. Un tiro fuori di questo si chiama hosting rivenditore, che ti dà la possibilità di creare account di hosting aggiuntivi per i tuoi clienti.

Nota, questo non è conforme a PCI/DSS/HIPAA/Etc.

Virtual Dedicated Server

Il tuo sito ottiene la sua visione unica di un server condiviso. Puoi configurare i tuoi servizi e software proprio come faresti su un server dedicato, tuttavia non ci sono garanzie di risorse reali. "Cattivi vicini" è tutto ciò che serve per portare il tuo sito a gattonare.

Di solito lo consiglio a sviluppatori che hanno bisogno di un sand box che consenta loro di configurare le cose nel modo in cui lo desiderano.

Ancora una volta, non conforme a PCI/DSS/HIPAA/Etc

Virtual Private Server

Questo è, a tutti gli effetti, un server dedicato che viene fornito con una certa quantità di risorse garantite. Sarai il super utente, puoi fare quello che desideri. A seconda della piattaforma, i limiti delle risorse potrebbero essere in grado di "scoppiare" occasionalmente per far fronte a picchi di utilizzo. Sfortunatamente, questo significa anche che le tue risorse soffrono se anche diversi vicini devono "scoppiare".

Ti consiglio di andare con un fornitore Xen se segui questa strada, non avrai mai meno di quello per cui paghi.

Consiglio a tutti i nuovi siti che prevedono qualsiasi tipo di traffico di iniziare con niente meno che un VPS.

Questo può essere, a seconda del tipo di hypervisor e dello storage utilizzato reso conforme PCI/etc.

Server completamente dedicato

Esattamente come si legge, un server che è tuo e solo tuo. È possibile noleggiarne uno ogni mese o acquistarne uno e pagarlo affinché si trovi in ​​un data center. Consiglio di scegliere prima l'opzione di noleggio, che richiede meno investimenti per aumentare se necessario. Quando le entrate lo consentono, puoi sempre acquistare i tuoi server. A quel punto, avrai una comprensione molto solida del tipo di hardware di cui hai bisogno.

Lo consiglio per le start-up che possono permettersi alcune centinaia al mese di hosting o per chiunque debba aderire agli standard di sicurezza. Se memorizzi informazioni CC di qualsiasi tipo o qualsiasi tipo di informazione medica/sanitaria, vorrai davvero l'accesso esclusivo al tuo hardware.

Cloud Hosting

Ho creato diverse piattaforme cloud per alcune grandi società di web hosting. Sono prolifico nello sviluppo di Xen e nemmeno in una frase chiara e concisa posso dire cosa significhi "nuvola" quando si tratta di IAAS (Infrastruttura come servizio).

Quello che stai ottenendo con la maggior parte dei fornitori di cloud è una o più macchine virtuali a cui è possibile allocare più memoria o spazio di archiviazione in base alle esigenze del traffico, quindi tornare all'impostazione "inattivo" quando il traffico diminuisce. Inoltre, alcuni offrono la possibilità di creare cloni di una singola istanza e collegarli insieme utilizzando un bilanciamento del carico (generalmente basato su software).

La cosa a cui prestare attenzione qui sono mega fatture se il tuo sito viene martellato. Ci sono molti casi in cui l'algoritmo che "ridimensiona automaticamente" funziona più a favore della società di hosting e meno a favore del tuo portafoglio. Se ottieni quel tipo di hosting, assicurati che switch rimanga incollato sul manuale. In molti casi, è sufficiente attivare una cache per soddisfare una maggiore richiesta di traffico.

Amazon e altri hanno chiaramente pubblicato che le loro offerte no soddisfano le linee guida stabilite da standard di sicurezza come PCI/DSS o standard federali come HIPAA/HITECH. Questo non è un avvertimento sull'uso di un hypervisor, è un avvertimento sull'uso di una rete di archiviazione condivisa.

In sintesi:

Il tipo di hosting che ottieni è davvero casuale, ciò che conta di più è come pianifichi la tua rete. Ad esempio, potresti avere static.domain.com che utilizza un server http leggero che ha la responsabilità di servire solo immagini e supporti, riducendo drasticamente il carico sul tuo server di produzione.

Inoltre, la memorizzazione nella cache intelligente delle pagine dinamiche (e/o) delle query che li portano a farti spremere notevolmente di più da qualsiasi piattaforma.

Avrei alcuni server VPS, o forse un server dedicato e un paio di server VPS. L'altra cosa che sono irremovibile nel fare è dividere il mio DNS, se il mio dominio non può essere risolto .. tutta la memorizzazione nella cache e l'ottimizzazione del mondo non saranno di aiuto.

È davvero difficile dire quale sarebbe il "migliore" per te, non sono sicuro della complessità e delle esigenze del tuo progetto. Tuttavia, si spera, quanto sopra ti dà un'idea dei pro e dei contro, in qualunque modo tu decida di andare.

18
Tim Post

Questa è una domanda interessante e di vasta portata. Direi che la differenza principale tra il "normale" web hosting e l'utilizzo di un servizio basato su cloud è la scalabilità su richiesta (o dinamica).

Un servizio di web hosting "normale" di solito fornisce un certo livello di servizio (cicli di CPU, larghezza di banda, spazio di archiviazione, ecc.) A un prezzo fisso per unità di tempo. Paghi quel prezzo a prescindere dalla quantità di servizio effettivamente utilizzata. Se le tue esigenze superano il livello di servizio, nella maggior parte dei casi sei bloccato.

L'idea alla base della maggior parte dei servizi cloud è che il livello di servizio varia, a volte in modo selvaggio, e che si paga solo per ciò che si utilizza effettivamente.

Considera Netflix come un caso d'uso: scommetto che i picchi del livello di servizio Netflix nelle ore serali e notturne nei giorni feriali e la maggior parte del tempo nei fine settimana (negli Stati Uniti). Quindi il loro livello di servizio ha bisogno che il venerdì sera alle 19:00 sia molto diverso dal martedì mattina alle 9:30. Utilizzando un servizio di hosting "normale", dovrebbero sempre pagare per il servizio di "livello del venerdì sera", mentre con una soluzione basata su cloud l'importo che pagano varia man mano che il loro livello di servizio cresce e si riduce su richiesta.

4
Alan

Con il cloud hosting devi fare attenzione ai costi nascosti. Dato che la maggior parte degli host cloud si carica per l'utilizzo quando si verifica un forte scoppio di traffico, si potrebbe essere colpiti con una grande fattura di hosting per quel periodo. La maggior parte delle soluzioni cloud non ha la possibilità di porre un limite alle risorse utilizzate, quindi di solito non esiste un modo per limitare i costi quando si verificano esplosioni di traffico.

Questo è il rovescio della medaglia.

Il lato positivo è che il tuo sito Web sarà in grado di gestire quelle grandi esplosioni di traffico che un singolo server condiviso o dedicato tradizionale potrebbe non gestire.

2
Ashley G

Diciamo che sei un dirigente di una grande azienda. Le tue responsabilità particolari includono la garanzia che tutti i tuoi dipendenti dispongano dell'hardware e del software necessari per svolgere il proprio lavoro. L'acquisto di computer per tutti non è sufficiente: devi anche acquistare software o licenze software per offrire ai dipendenti gli strumenti di cui hanno bisogno. Ogni volta che hai un nuovo noleggio, devi acquistare più software o assicurarti che la tua attuale licenza software consenta a un altro utente. È così stressante che trovi difficile andare a dormire sul tuo enorme mucchio di soldi ogni notte.

Presto potrebbe esserci un'alternativa per dirigenti come te. Invece di installare una suite di software per ogni computer, dovresti caricare solo un'applicazione. Tale applicazione consentirebbe ai lavoratori di accedere a un servizio basato sul Web che ospita tutti i programmi di cui l'utente avrebbe bisogno per il proprio lavoro. Le macchine remote di proprietà di un'altra azienda eseguono qualsiasi cosa, dall'e-mail all'elaborazione di testi, fino a complessi programmi di analisi dei dati. Si chiama cloud computing.

1
user4801