it-swarm.it

Qual è la soluzione di virtualizzazione più amichevole?

Voglio sperimentare la virtualizzazione in Ubuntu 10.04 e ho trovato il seguente elenco di nomi sperabilmente rilevanti: Xen, OpenVZ, KVM, Vservers, EC2 e Solaris Zones, anche se questo è solo un elenco di esempio e la domanda non è esclusiva di questi.

Dall'esperienza della comunità, quale soluzione di virtualizzazione dovrei usare su Ubuntu per imparare? I fattori sono facilità di installazione, facilità d'uso. Anche la stabilità è importante. I problemi secondari sono l'utilizzo della memoria e le prestazioni.

Cosa voglio virtualizzare? Bene, praticamente tutto ciò che il software scelto consentirà, sotto la bandiera della sperimentazione.

11
John K

Consiglierei VirtualBox, se hai appena iniziato. (apt-get install virtualbox-ose) È progettato per eseguire una macchina virtuale su un computer desktop (o laptop), in modo da poter utilizzare sia il computer virtuale (guest) che il computer reale (Host) insieme. Ti dà una bella GUI che puoi usare per creare macchine virtuali e modificarne le impostazioni. Puoi avviare e arrestare la macchina virtuale, in modo che se hai bisogno di ulteriore potenza di elaborazione per alcune attività che stai eseguendo sull'host, l'ospite non deve intromettersi.

I nomi che hai dato alla tua domanda sono più di alto livello, credo. Sono i tipi di cose di cui ho sentito parlare in relazione a società di server privati ​​virtuali (VPS), che sono società di web hosting che utilizzano la virtualizzazione per fornire a più persone server utilizzando un solo computer fisico. Probabilmente sono un po 'più complicati da configurare e mantenere, e in genere quando si utilizza qualcosa come Xen, il computer Host non è destinato a fare molto oltre a fungere da "base" per i VPS.

16
David Z

VirtualBox è probabilmente il più intuitivo se è necessario eseguire solo 1 o 2 VM alla volta.

Se è necessario eseguire contemporaneamente molti ambienti Linux diversi (10 o più per host), OpenVZ è la strada da percorrere. È come chroot ma fornisce ambienti Linux (container) completamente isolati con la possibilità di controllare le risorse, fare check-point e migrare in tempo reale. Lo sto usando da più di 2 anni per molte diverse attività di amministratore di sistema al lavoro (un centro di bioinformatica per 400 utenti in una grande università).

OpenVZ non ha quasi alcun sovraccarico. È l'unico nel suo genere (virtualizzazione a livello di sistema operativo). Gestisce bene applicazioni Linux di qualsiasi proporzione da un proxy inverso Web a un sistema di backup intensivo di I/O che elabora 30 TB al giorno. Avere 30 o più contenitori per server è normale. Un altro grande vantaggio è che dal nodo hardware (equivalente a Dom0 in Xen) hai tutti i file system dei contenitori Linux montati direttamente - non è richiesto NFS. Inoltre, puoi vedere tutti i processi dei tuoi contenitori Linux dal nodo head con la possibilità di rintracciare, uccidere, ecc ...

Puoi delegare in modo sicuro container con accesso ssh ai tuoi amici e lasciarli root.

Dovresti essere a tuo agio con Linux e la riga di comando. Essere in grado di modificare gli script di avvio sarebbe utile (ti darà rapidamente un sacco di controllo). Per configurazioni più avanzate, potrebbe essere necessario imparare un po 'di rete.

3

Oltre a Virtualbox, KVM insieme a virt-manager come front-end è una soluzione di virtualizzazione piuttosto buona nella mia esperienza.

3
LFC_fan

Se si intende utilizzare l'host (computer su cui si installa il software VM) per qualsiasi cosa diversa dall'essere nell'host di macchine virtuali, è necessario continuare a VirtualBot e qemu (o vmware se si desidera masterizzare denaro libertà).

Posso consigliare di dare un'occhiata a qem ( install ), è un po 'difficile da configurare (afaik no degli strumenti gui funziona davvero bene) poiché è una riga di comando attrezzo. Ma una delle caratteristiche principali di qem è che puoi emulare altri target CPU che quello su cui ti trovi. Lo uso spesso per avviare un'immagine di test-root di per il mio telefono (che in effetti è un 500MHz ARM che esegue Maemo Linux.)

Quando qem funziona su x86-64 può usare KVM per x86- 6 4, quando è attivo ia32 può usare KVM on ia32 , quando attivo - PPC 44 può usare KVM per PPC 44 ect ..

1
LassePoulsen

Ho avuto un'ottima esperienza con VMWare Player. Fa due cose bene: esegue immagini virtuali e si integra automaticamente con l'ambiente Host.

Ho installato sia VirtualBox che VMware workstation sul mio HP EliteBook 8530. Riscontro blocchi occasionali con VirtualBox, ma non workstation VMware. Ho provato a dirmi che è un bug oscuro, ma è successo sia con 10.04 che 10.10, quindi non sono sicuro che sia ... Ho provato a raccogliere informazioni, ma senza risultati.

Detto questo, rimarrei con VMware Workstation se puoi far galleggiare la moneta per acquistarla. Se non ci riesci, preparati a un comportamento strano da parte di VB.

-C

1
C.J. Steele