it-swarm.it

Quali sono alcune alternative al "passaggio del mouse" sui dispositivi touch-based?

È arrivato di recente in un podcast 37signals :

http://37signals.com/podcast#episode18

La semplice soluzione "forza bruta" consiste nell'utilizzare il primo tocco su un oggetto dell'interfaccia utente come passaggio del mouse.

http://37signals.com/svn/posts/2419-product-blog-update-basecamp-translationstemplates-notifire-highrise-twilio-etc

Funziona. Ma ci sono altre soluzioni più eleganti? Ad esempio, l'hardware potrebbe mai essere realizzato per supportare l'effettivo passaggio del dito?

51
noluckmurphy

Significherebbe una tecnologia molto diversa da quella attualmente utilizzata. Non proverei a forzare i dispositivi touch nella semantica dei dispositivi schermo. I dispositivi touch stanno sviluppando una serie distinta di aspettative degli utenti. Il tocco al passaggio del mouse è perfettamente accettabile. Ho visto alcuni esempi interessanti di suggerimenti per l'utente in cui si trovano aree "in bilico" al primo caricamento dello schermo. Evidenziando i punti caldi in qualche modo, quindi lasciando che quei punti salienti svaniscano dopo un secondo o due.

30
ThatSteveGuy

Il punto di passaggio del mouse è rendere disponibili alcune informazioni all'utente su un elemento senza attivare alcune azioni primarie.

Un approccio potrebbe essere quello di attivare la visualizzazione di informazioni secondarie quando viene toccato lo spazio morto vicino a un elemento. Questo non è molto rilevabile però.

Un approccio migliore secondo me è fondamentalmente la risposta fornita sopra: tocca e tieni premuto. Ma le prime volte che l'utente tocca semplicemente rivela le informazioni secondarie appena prima di passare alla funzione primaria, in modo che sappiano che c'è qualcosa da esplorare. Non è proprio quello che dicono 37 segnali, anche se non vorrei bloccare la funzione primaria, vorrei solo rivelare brevemente che è lì.

Invece di toccare e tenere premuto, potresti anche considerare un passaggio verso qualcosa come ricerca di informazioni, anche se di nuovo non è facilmente individuabile se non presenti un'indicazione che è possibile. Non credo che ci sia qualcosa di sbagliato nei primi passaggi di un'applicazione che presenta alcuni tipi di tutorial illustrati per far sapere all'utente che è possibile qualcosa e molte cose come toccare fuori o scorrere per rivelare sono molto facili da ricordare anche se sono difficili da scoprire.

Leggi tutte le risposte e i commenti sopra e con tutto il rispetto per te e le tue soluzioni, suggerirei semplicemente di non implementare la funzione hover nei dispositivi touch. Nei dispositivi touch gli utenti non si aspettano qualcosa del genere, quindi preferirei non integrare tale funzionalità.

Nei dispositivi mobili l'utente e gli sviluppatori/ingegnere UX preferiscono il minor ingombro possibile. Quindi, per raggiungere una nuova vista o per ottenere i dettagli l'utente non si aspetta e si prevede di toccare due volte un pulsante o un collegamento.

6
Deepukjayan

La soluzione migliore è quella che hai nella tua domanda: un solo tocco esegue l'effetto hover. Funziona perfettamente su un iPhone ed è completamente intuitivo. Tocco un elemento di navigazione e si espande per mostrare gli elementi di navigazione secondari. Lo tocco di nuovo, mi porta da qualche parte (se è esso stesso un collegamento). Non vedo la necessità di sostituire qualcosa che già funziona e ha senso per l'utente.

5
Charles Boyung

Alcune tecnologie touchscreen supportano l'hovering. Ad esempio, con Microsoft Surface e alcuni schermi tablet specializzati distinguono tra hovering e premendo. Sembra però che potrebbe essere frustrante. Ho usato ZBrush con un tablet, che ti permette letteralmente di librarti, e l'accuratezza è stata significativamente ridotta (il cursore stava saltando tutto sopra il posto). In un programma di grafica questo va bene, dato che hai la sensazione di disegnare (e le imperfezioni possono renderlo più naturale), ma per cose in cui l'utente deve essere preciso, non sono sicuro che sarebbe un'ottima opzione.

3
Robert Fraser

Non aspettarti che dispositivi come l'iPad supportino un cursore in qualsiasi momento presto. È molto più saggio concentrarsi sull'evitare il passaggio del mouse e qualsiasi altra fastidiosa funzione solo per il mouse. Di recente ho scritto un post dettagliato sul motivo per cui dovremmo smettere di mettere qualsiasi mouse collegato al web e quali sono i modi migliori per sostituirlo.

3
VangelisB

Se un oggetto ha lo stato attivo per un periodo di tempo senza attività, passa con il mouse. È probabilmente un'indicazione che l'utente ha bisogno di più informazioni. È scontato che ciò sia molto difficile su elementi di azione a tocco singolo come collegamenti e pulsanti (più facile ottenere lo stato attivo in un ambiente tastiera in cui è possibile eseguire Tab su di esso.).

2
JeffO

Perché non scrivere semplicemente il nome della funzione sul pulsante (a meno che non sia minuscolo). In questo modo l'utente non deve passare con il mouse su ogni pulsante finché non trova quello che desidera. Avere pulsanti o collegamenti misteriosi che richiederebbero il passaggio del mouse è noto come Mystery Meat .

Se vuoi davvero avere delle immagini invece del testo, mi piace l'idea di un tocco per "passare il mouse" su un altro tocco per "premere" il pulsante. Tuttavia, non è sempre chiaro che l'interfaccia utente supporti questo. I pulsanti sembrano toccarli per attivarli e un nuovo utente potrebbe essere cauto nel toccare un pulsante nel caso in cui attivasse una funzione che non desiderava.

Un'alternativa sarebbe usare piccoli interruttori a molla.

Swipe Switches

In questo modo è chiaro che il semplice tocco non li attiverà. Tuttavia, ciò non consente all'utente di sapere che potrebbero toccarli per un suggerimento.

0
Rocketmagnet