it-swarm.it

Cosa c'è di sbagliato con le chiavette USB di cui hai bisogno 3 tenta di collegarle correttamente?

Probabilmente lo avete sperimentato almeno una volta: provare più volte a collegare correttamente una chiavetta USB, perché in qualche modo non è intuitivo da che parte vada. Questo è particolarmente vero quando la chiavetta USB in questione non è stata ancora utilizzata dall'utente. Ma può succedere anche con i bastoncini con cui l'utente ha già familiarità, come confermato dall'esperienza dello scrittore di questo post.

Ecco alcune immagini che illustrano questa esperienza comune.

usb stick meme

enter image description here

Quindi cosa c'è di sbagliato nel design di una chiavetta USB che non la rende abbastanza intuitiva da collegarla correttamente la prima volta?

259
stackzebra

Nella mia esperienza una presa USB ha bisogno di un po 'di pressione per entrare nella porta. È abbastanza pressione da farmi diffidare che potrei romperlo se lo sto mettendo nel modo sbagliato.

Dopo aver invertito la spina, diventa evidente che non si adatta affatto. Questa osservazione mi permette di capovolgerla di nuovo e ora faccio più pressione con fiducia.

307
Denis

Risposta breve: il design causa comunemente disallineamenti

La maggior parte delle spine o porte ha un bordo svasato, una spina smussata o qualche altro design che consente di orientare leggermente l'orientamento della spina e farla corrispondere. USB no.

Spesso, il primo tentativo farà allineare la spina troppo in alto, leggermente attorcigliata o un altro orientamento che non gli consente di entrare nella presa. La maggior parte delle porte USB sono circondate da plastica, dove potresti avere la spina che tocca il bordo della plastica in qualche angolo e supponi di averla capovolta. Quando lo capovolgi, il bordo del circuito stampato in fibra di vetro all'interno della spina colpisce il circuito stampato in fibra di vetro nel jack. Questo fa sì che la spina si sposti verso l'alto o verso il basso e si è certi che sia capovolta. Ora quando lo capovolgi di nuovo, sei più sicuro di averlo fatto nel modo giusto e di spostarlo all'interno del foro di plastica nella custodia fino a quando non si collega.

Simmetria fisica senza simmetria d'uso

Sono sorpreso che così tante di queste risposte stiano affrontando le conseguenze di un design scadente senza discutere in primo luogo su ciò che l'ha reso un design scadente. Il problema a portata di mano qui è che i dispositivi USB hanno un orientamento corretto e che l'orientamento corretto è indistinguibile dall'orientamento errato.

Nel suo libro The Design of Everyday Things , Don Norman elenca i seguenti 7 principi fondamentali del design:

1. Discoverability . È possibile determinare quali azioni sono possibili e lo stato corrente del dispositivo.

2. Commenti . Sono disponibili informazioni complete e continue sui risultati delle azioni e sullo stato attuale del prodotto o del servizio. Dopo che è stata eseguita un'azione, è facile determinare il nuovo stato.

3. Modello concettuale . Il design proietta tutte le informazioni necessarie per creare un buon modello concettuale del sistema, portando alla comprensione e alla sensazione di controllo. Il modello concettuale migliora sia la rilevabilità che la valutazione dei risultati.

4. affordance . Esistono le giuste risorse per rendere possibili le azioni desiderate.

5. Significanti . L'uso efficace dei significanti garantisce la rilevabilità e che il feedback sia ben comunicato e intelligibile.

  1. Mapping . La relazione tra i controlli e le loro azioni segue i principi di una buona mappatura, migliorata il più possibile attraverso la disposizione spaziale e la contiguità temporale.

7. Vincoli . Fornire vincoli fisici, logici, semantici e culturali guida le azioni e facilita l'interpretazione.

I dispositivi USB non reversibili mancano di un valido significante per un corretto orientamento. Come menziona Toby Speight nella sua risposta, la specifica USB includeva il requisito per un tale significante:

6.5.1 Posizione dell'icona USB

L'icona USB è impressa, in un'area incassata, sul lato superiore della presa USB. Ciò fornisce un facile riconoscimento dell'utente e facilita l'allineamento durante il processo di accoppiamento.

..ma direi che non è abbastanza per due motivi. Innanzitutto, questa specifica viene facilmente ignorata dai produttori USB. In secondo luogo, anche con un'icona in rilievo, non hai comunicato all'utente quale sia l'orientamento corretto a meno che non sappiano già che l'icona indica orientamento. Un'icona USB sembra appropriata su un dispositivo USB e non verrà notata da un normale utente come segnale di informazione previsto. Le camere da letto hanno spesso una presa controllata da un interruttore della luce nella stanza. Per indicare che quella presa è quella controllata dall'interruttore della luce, è spesso installata capovolta. Per qualcuno che è a conoscenza di questa relazione, questo è utile, ma per qualcuno che non è al corrente, è probabile che lo scoprano da soli o ne siano informati. Lo stesso con l'icona USB. Non ci si sarebbe dovuto aspettare che le persone sapessero cosa significasse.

enter image description here

Un problema analogo si riscontra nel design di alcune porte. Ecco alcune immagini delle porte di The Design Of Everyday Things:

enter image description here

Nella prima immagine, la porta sinistra deve essere tirata, ma la porta destra deve essere spinta anche se hanno la stessa maniglia. Nelle prossime due immagini, non è chiaro dove sulla porta si debba premere (sinistra o destra) per aprirla. Don Norman ha questo da dire sulle porte:

Quando i significanti esterni, i segni, devono essere aggiunti a qualcosa di semplice come una porta, ciò indica un cattivo design.

Se qualcosa di semplice come un cavo aveva bisogno di un'icona per indicare quale orientamento era corretto, era già mal progettato.

La soluzione? O rendere un cavo reversibile o rimuovere la simmetria fuorviante. enter image description hereenter image description here

151
mowwwalker

Il problema di fondo, come penso tutti sappiamo, è che il feedback tattile che si ottiene con una presa orientata in modo errato è difficile da distinguere dal feedback tattile con una presa leggermente disallineata. Detto questo, la tua domanda può essere riformulata come: perché molte (la maggior parte?) Persone credono erroneamente che l'orientamento sia sbagliato quando in realtà hanno solo bisogno di continuare a cercare di ottenere l'allineamento giusto?

Migliore ipotesi: decidere in quale direzione tenere la spina (e tentare di inserirla) è stata una decisione consapevole; e poiché è difficile prevedere da che parte funzionerà, è stata anche una decisione provvisoria. Abbiamo dubbi sul fatto che fosse corretto, quindi siamo predisposti a provarlo dall'altra parte. Ovviamente siamo consapevolmente consapevoli del nostro tentativo fallito di inserire la spina e stiamo cercando di ottenere il giusto allineamento, ma l'ambiguo feedback tattile non ci sta dando motivo di rifiutare l'idea preconcetta che l'orientamento potrebbe essere sbagliato. Quindi ci arrendiamo prima di quanto dovremmo e capovolgiamo la spina.

Un'altra parte della tua domanda ti chiede perché i progettisti USB non hanno anticipato questo problema. Osserverei che le porte che USB doveva sostituire o avevano un "up" chiaramente visibile (le porte parallele, seriali e di gioco a forma di D) o un buon feedback tattile per "up" (le porte rotonde della tastiera e del mouse) o entrambi. I progettisti USB potrebbero aver semplicemente sottovalutato il potenziale per un problema di cui queste porte non soffrivano.

Dopotutto, non è che non abbiano pensato al feedback tattile. Quando finalmente fai scorrere la spina, la parte inferiore si stacca e il meccanismo di aggancio si inserisce, dando un ottimo feedback tattile che hai capito bene. Un cavo USB collegato si sente solidamente collegato, ed è il risultato di uno sforzo progettuale deliberato. (Il che ha anche risolto un problema che avevano le porte più vecchie: quelle rotonde si sentivano strette quando erano allentate, e i connettori D si sentivano allentati quando stavano bene (motivo per cui tutti serravano eccessivamente le stupide viti a testa zigrinata.))

79
gatkin

Mancato rispetto delle specifiche USB

Ho avuto problemi con i dispositivi USB che non riescono completamente a fornire l'indicatore tattile richiesto dalle specifiche USB:

6.5.1 Posizione dell'icona USB

L'icona USB è impressa, in un'area incassata, sul lato superiore della presa USB. Ciò fornisce un facile riconoscimento dell'utente e facilita l'allineamento durante il processo di accoppiamento.

È tratto dal specifica USB 2. , ma una formulazione simile è presente sin dalle prime versioni USB.

La stessa sezione specifica anche in che modo le prese dovrebbero essere:

Le prese dovrebbero essere orientate per consentire all'icona sulla spina di essere visibile durante il processo di accoppiamento.

33
Toby Speight

Non è un problema di design scadente sull'USB maschio - è che non esiste un orientamento fisso per la porta. Quando collego il mouse al laptop, lo capisco sempre. Ma quando lo collego a un desktop, ci sono (in generale) tre possibili orientamenti per la porta: sinistra, destra, su.

Per questo motivo, non mi sembra di poter sempre farlo sempre bene. Se non ho trascorso del tempo a esaminare molti computer, non c'è motivo per cui potrei pensare che l'orientamento "verso il basso" sia impossibile, e quindi devo esaminare sia la porta del computer che l'USB per farlo bene la prima volta. Per questo motivo, nel complesso è meno sforzo tentare qualunque orientamento in cui mi capita di tenerlo. Ecco dove arriviamo a ciò che gli altri hanno descritto.

14
Spitemaster

Problema n. 1: su USB di tipo A, c'è è un modo sbagliato. Questo da solo è un problema di progettazione. I jack per le cuffie, la maggior parte delle chiavi dell'auto, le spine di alimentazione 120v non polarizzate e i più recenti connettori USB di tipo C non presentano questo problema.

Problema n. 2: USB tipo A manca di indicazioni visive chiare e standardizzate su quale sia il "modo giusto". La maggior parte delle chiavi residenziali, delle prese di alimentazione a 120 V con messa a terra, dei vecchi floppy disk da 3,5 ", dei connettori RJ-45 e della maggior parte dei CD/DVD lo rendono molto chiaro a colpo d'occhio in che modo sia il" modo giusto ". Nel caso di USB tipo A, entrambi la spina e il jack mancano di indicazione visiva senza un'attenta ispezione

Problema n. 3: la presa e il connettore USB di tipo A supportano una gamma molto limitata di autoallineamento combinata con un feedback tattile scadente per qualsiasi condizione diversa dall'inserimento corretto. Questo porta gli utenti a pensare di avere una presa orientata in modo errato, quando in realtà l'orientamento era corretto. A titolo di esempio, osserva la tipica serratura della porta e nota la rientranza al centro della scanalatura per catturare la punta di una chiave allineata in modo errato. Ciò aiuta l'utente a spostare la chiave nell'orientamento corretto.

7
William

C'è una mancanza di spunto dall'involucro esterno: ai vecchi tempi quando i mac utilizzavano connettori con molti pin c'era un piatto in un posto sulla spina circolare che corrispondeva a un piatto sul connettore a cui la spina si collegava:

Se abbini i due appartamenti insieme, allora la spina e la sua presa erano orientate correttamente.

(E le due superfici piatte erano stampate con icone per abbinarle)

https://collections.museumvictoria.com.au/items/1267769

6
PhillipW

Per come la vedo io, è un po 'come attraccare alla stazione spaziale. C'è un modo per farlo bene.
Sembra facile, ma un leggero disallineamento richiede di riprovare.

Credo che ciò sia dovuto al fatto che, al terzo tentativo, sei diventato frustrato e stai prestando molta attenzione a ciò che stai facendo. Ciò, quindi, rende l'allineamento (e l'orientamento) corretti con la giusta quantità di pressione.

Fastidioso, sì. Frustrante, di solito. L'alternativa? Non ho mai avuto problemi con l'inserimento errato di un dischetto. : D

5
Scottie H

Solo bias di selezione al lavoro qui. Non noti quando funziona correttamente la prima volta o quando devi semplicemente capovolgerlo una volta. Si nota invece quando a causa di un leggero disallineamento si finisce per capovolgerlo due volte.

5
Nick

Non posso davvero parlare per gli altri, ma nel mio caso il problema di solito, almeno in parte, si riduce ai colori scuri utilizzati nelle porte USB. In alcune porte la parte in plastica all'interno della presa (dove si trovano i contatti) è bianca e quindi è abbastanza facile vedere da che parte della porta si trova e orientare il dispositivo/cavo in modo appropriato, ma spesso è nero o grigio scuro e quindi nella un'illuminazione più scura più vicina al pavimento, dove si trovano la maggior parte delle torri/custodie per computer, è difficile vedere da che parte si trova senza chinarsi per guardarla più da vicino. Nel caso di una porta a livello degli occhi che riesco a vedere facilmente, di solito non ho difficoltà a ottenere l'orientamento corretto la prima volta.

Combina questo con il feedback tattile, come altri hanno già detto, e il fatto che la parte in plastica della presa sia debole e incline a rompersi (almeno lo immagino in quel modo), e di solito sono riluttante a spingerlo troppo forte anche se Penso che l'orientamento sia corretto (sapendo che, se l'orientamento è errato, potrei danneggiare la porta). Quindi è difficile capire se l'orientamento è corretto nei casi in cui è difficile da vedere. E in alcuni casi spingere il connettore contro il "bordo" di metallo attorno alla porta fornisce una sensazione simile, se il dispositivo/cavo è disallineato.

Vale anche la pena notare che questo non è mai stato un problema (per me) con porte USB orientate orizzontalmente. Le porte "capovolte" potrebbero anche esistere, ma per tutte le porte orientate orizzontalmente che ho visto il dispositivo/cavo si collega "a destra" (cioè con l'etichetta/marcature/ecc. In alto - allo stesso modo ho non ancora imbattersi in un dispositivo in cui i segni sono "sotto" in relazione al connettore USB). Le porte USB orientate verticalmente sono un problema perché non sembra esserci coerenza sul fatto che siano orientate "a sinistra" o "a destra".

4
Micheal Johnson

Non ci sono gate ('imbuto') nella porta per garantire che scivoli senza intoppi. Pertanto, al primo tentativo è abbastanza facile colpire i lati del metallo che circonda la staffa facendoti girare e riprovare (questa volta il lato sbagliato). Non aiuta che la staffa stessa si trovi abbastanza spesso all'interno di 1-2 mm all'interno del dispositivo. Le specifiche e la realtà di come viene utilizzato non lasciano spazio per l'esistenza di un simile cancello.

Parte del fatto è che è stato abbastanza buono quando è stato introdotto, è molto più facile entrare senza armeggiare di un db9, db25, connettore joystick per PC o persino il connettore ps/2.

3
Lassi Kinnunen

Ho trovato che il controllo della striscia indicante che l'unione nell'involucro della spina fosse un buon indicatore dell'orientamento di inserimento (prova a dire che cinque volte veloce).

Più in generale, la spina richiede orientamento, ma non fornisce molto in termini di indicatore al momento dell'inserimento nel piano di vista. Molte altre spine lo fanno, ma tendono ad essere più elaborate, come con HDMI e DisplayPort.

2
ti7

Sulle porte/spine USB 1.xe 2.0, il supporto interno in plastica per i contatti è in genere di plastica nera e quindi abbastanza difficile da vedere all'interno di una cavità spenta.

USB 3.0 ha scelto di rendere la plastica blu per aiutare a indicare che la porta è in grado di offrire prestazioni più elevate e ha inavvertitamente reso più semplice l'inserimento dei dispositivi, rendendo più facile vedere in che modo sono orientate la porta e la spina.

0
user