it-swarm.it

Come lavoro con gli strumenti della GUI su un server remoto?

Ho un server Ubuntu in esecuzione su EC2 (che non ho installato da solo, ho appena preso un AMI). Finora sto usando PuTTY per lavorarci, ma mi chiedo come lavorarci con gli strumenti della GUI (non ho familiarità con gli strumenti dell'interfaccia utente di Linux, ma voglio imparare). Stupidamente, mi manca la comodità di Windows Explorer.

Al momento ho solo Windows a casa. Come configuro gli strumenti della GUI per lavorare con un server remoto? Dovrei farlo, o dovrei attenermi alla riga di comando? Le risposte cambiano se ho una macchina Linux locale con cui giocare?

27
ripper234

È possibile utilizzare l'inoltro X11 su SSH; assicurati che l'opzione

X11Forwarding yes

è abilitato in /etc/ssh/sshd_config sul server remoto e abilitare manualmente l'inoltro X11 con

ssh -X server remoto

o aggiungi una riga dicendo

ForwardX11 yes

alla voce Host pertinente in ~/.ssh/config

Naturalmente, ciò richiede un display X funzionante all'estremità locale, quindi se stai usando Windows dovrai installare qualcosa come XMing , quindi impostare l'inoltro X11 in PuTTY come dimostrato in questi riferimenti:

ETA: leggendo di nuovo e vedendo i tuoi chiarimenti nei commenti, FTP potrebbe soddisfare ancora meglio le tue esigenze, poiché ti permetterà di "montare" le cartelle SFTP come se fossero normali unità di rete. Vedi qui , qui , qui (per Windows XP/7/Vista) , oppure qui (per Windows 8) =.

32
Shadur

Shadur ha spiegato come abilitare X. Nota che /etc/ssh/sshd_config è all'estremità del server e ~/.ssh/config è alla fine del client, quindi stiamo parlando in generale di due macchine diverse. L'inoltro X visualizzerà l'applicazione remota sul display X locale. Quindi le due configurazioni devono dire al telecomando e al locale di consentire che questa operazione avvenga, rispettivamente.

Se dovresti usare X, dipende. Devi considerare (almeno) i seguenti fattori.

  • Che tipo di larghezza di banda hai? Qual è la sua velocità? È misurato? C'è un berretto? Se hai una connessione molto veloce alla rete e nessuna restrizione, X è più utilizzabile, altrimenti può essere molto lento. Tieni presente che in generale X è un maiale di rete; non è ottimizzato per la larghezza di banda (o qualunque sia la frase giusta).

  • Quali strumenti prevedi di utilizzare su X? Ci sono sostituzioni/equivalenti non gui? Se fornisci esempi dei tipi di strumenti che stai pensando di utilizzare, le persone potrebbero suggerire alternative se disponibili. Inoltre, tieni presente che alcuni strumenti noti sono disponibili sia in gui che in riga di comando/console. Per esempio. emacs, aptitude, reportbug.

In generale, la mia raccomandazione è di usare la riga di comando (apt, wget, rsync) o le applicazioni maledizioni (come aptitude o mc) se sono disponibili e fanno quello che ti serve. Tali app non sono necessariamente peggiori delle app X; alcune di queste sono ottime applicazioni. Per esempio. Il software di John Davis, ad esempio jed e slrn, entrambe le app per console, mostra la sua estetica distintiva e sono opere d'arte. A proposito, eseguire un server X su un client Windows per connettersi a un server Linux è un'opzione, anche se non particolarmente buona.

Se si dispone di un server Linux locale, i problemi di larghezza di banda scompaiono e X è un'opzione molto più praticabile.

7
Faheem Mitha

Ho trovato freenx e nxclient una soluzione desktop remota ad altissime prestazioni, molto meglio di vnc o X11. Ci proverei.

6
Steve

Dovresti considerare di attenersi alla riga di comando, perché a) la maggior parte dei server non ha nemmeno una GUI installata e b) tutte le GUI sono un po 'lente da usare su reti.

Detto questo, suggerirei di dare un'occhiata a VNC. Esistono client nativi per Windows e server per Linux, quindi non dovresti configurare X11 sul tuo box di Windows.

3
kuhkatz

A differenza di RDP, X perde la sessione se il server o il tunnel ssh si disconnettono. È possibile utilizzare XVNC, che presenta un server X ai programmi client e si collega a un client VNC. Ciò mantiene viva la sessione X e consente di connettere e disconnettere la sessione VNC.

Ho funzionato con successo su una connessione DSL Jetstart 128k/128k (Sì, Telecom NZ offriva davvero un servizio DSL 128k/128k!). Era abbastanza reattivo, rallentando solo quando doveva scaricare una grande bitmap sul client VNC.

Puoi vedere come eseguire il tunneling di VNC su ssh in questo articolo.

Se hai utilizzato Emacs, puoi eseguire un Emacs installato localmente su Windows ed eseguire l'editing di file, la gestione di file e directory ( dired ), il controllo della versione, la compilazione e anche altri lavori casuali nella Shell (M-xShellM-xeshell) e probabilmente altre cose tramite VAGABONDO nelle tue Emacs locali. (Alcuni video dimostrativi facilmente reperibili che forse possono rendere una persona non così spaventata dagli Emacs sconosciuti, e TRAMP, ecc .: 1 , 2 .)

Questo è un esempio del fatto che i programmi X remoti potrebbero non essere la soluzione giusta per te. A differenza del modo X client remoto, il modo TRAMP non comporta traffico pesante "grafico" sulla connessione remota, usa la connessione ssh solo per inviare elenchi di directory, file e output di comando avanti e indietro.

Ad esempio, se vuoi lavorare con "Windows Explorer", allora non ci sarà ancora un "Windows Explorer" sul server Ubuntu, quindi non puoi eseguirlo da remoto.

Ma se "Windows Explorer" avesse qualcosa come TRAMP come funzionalità (per gli accessi remoti tramite SSH), potresti continuare a usare felicemente il tuo "Windows Explorer" locale, se è tutto ciò di cui hai bisogno.

Ho trovato il gvfs-tree, o in alcune versioni di Linux solo tree, per essere utile nel vedere una rappresentazione CLI dell'albero delle directory.

0
jkm

Io uso nautilus --no-desktop sul server Ubuntu 11.04 per funzionalità di tipo MS Explorer Explorer.

0
bschafer