it-swarm.it

Efficacia delle domande del colloquio "Qual è la tua più grande forza / debolezza"

Come qualcuno che ora si trova dall'altra parte del tavolo delle interviste, mi chiedo quanto siano utili queste domande dal punto di vista del datore di lavoro. Alcuni dei miei colleghi pensano di essere bravi perché puoi vedere "come rispondono", ma non sono convinto che ti dica qualcosa di utile, per diversi motivi:

  • Non è una domanda molto comoda e può indurre le persone a distorcere le loro risposte, anche se non di proposito
  • Le persone potrebbero non conoscere appieno i loro maggiori punti di forza o di debolezza (cioè giudicarli dai loro pari)
  • Spiegare cos'è un punto di forza non è bello come mostrarlo
  • Dopo non so più nulla del candidato

La logica dei miei colleghi è che può aiutare a eliminare le persone che danno risposte ridicole, come un ragazzo che ha detto che la sua più grande forza era "il suo intelletto" o le persone che cercano di trasformare la domanda di debolezza in una forza come "Lavoro troppo duro. " Ma penso che ci siano modi più efficaci per determinare tali cose. Se vuoi vedere se qualcuno è intelligente, fai loro domande tecniche. Se vuoi vedere se qualcuno è produttivo, guarda la sua storia lavorativa. Se vuoi vedere come qualcuno reagisce sotto stress o cambia, chiedi loro come hanno affrontato il problema e chiedi esempi concreti.

Quali sono i pensieri delle persone su queste domande, dal punto di vista di un intervistatore? Cosa ti dicono veramente di un candidato e quali sono le alternative migliori? Come posso convincere i miei colleghi di questo?

23
Matt Olenik

Non molto.

  • Qualsiasi domanda per la quale una buona percentuale di candidati avrà una risposta predefinita ha un valore limitato, dal momento che spesso non si ottengono reali. Tutti e il loro cugino hanno sentito parlare di "qual è la tua più grande debolezza".
  • La risposta incoraggia a mentire: le persone oneste descriveranno un difetto e finiranno per sembrare cattive, mentre le persone meno oneste trasformeranno un punto di forza in difetto e avranno un bell'aspetto.
  • La domanda è così datata che, a mio avviso, riflette male sulla tua azienda.
31
Fishtoaster

Una volta ho avuto un colloquio di lavoro in cui la persona assunta era un dev, e mi ha chiesto di tagliare un po 'di codice nella lingua di cui avevano bisogno, proprio allora e lì sulla lavagna. Ho fatto quello che mi ha chiesto, l'ha guardato, ha annuito e ha chiesto "Puoi iniziare domani?"

Fare domande su BS come "nomina i tuoi maggiori punti di forza e di debolezza" è la perdita di tempo più eclatante mai inventata dagli specialisti pseudo-intellettuali delle risorse umane di MBA.

21
Cyberherbalist

Il valore di questa domanda mi sembra ovvio.

Qualcuno che conosce la sua forza e le sue debolezze sarà molto più efficiente di quello che non sa cosa può fare bene e cosa non dovrebbe fare (o migliorare)

Nelle arti marziali, questa è una delle prime cose che devi imparare. Perché determina come sarà la tua strategia di attacco e difesa.

Penso che sia lo stesso nella vita in generale, incluso il lavoro quotidiano.

6
user2567

Non importa cosa dicono i tuoi colleghi. Non importa cosa diciamo.

Se t non trovi alcun valore nel chiedere quale sia la più grande debolezza del candidato, allora non chiederlo. Per favore, non pensare che la polizia intervista ti sbatterà alla porta se non fai almeno tre delle seguenti cinque domande:

  • Perché vuoi lavorare qui?
  • Qual è la tua più grande forza/debolezza?
  • Dove vorresti essere tra cinque anni?
  • Che tipo di pianta saresti?
  • Parlami di un progetto che non è andato bene.

Poni le domande che consentono a t di valutare il valore del candidato così come si applica a t.

3
Andy Lester

In e tra le altre domande non penso che sia male, in sé e per sé. Se stai cercando il candidato "una domanda per domarli tutti", questo non lo è. Idealmente, un candidato ha una certa consapevolezza di ciò che accade durante le interviste e avrà una buona risposta in cui ammette un'onesta debolezza che ha (NOTA: TUTTI abbiamo punti deboli - qualcuno che afferma NESSUNO è una gigantesca bandiera rossa) ma ti dice anche cosa stanno facendo per affrontarlo.

Esempio: "A volte tendo a ossessionarmi per ottenere tutte le ultime informazioni in anticipo prima di fare qualsiasi sviluppo. In passato ciò ha portato ad alcuni inizi di progetto lenti. Ora provo a ottenere prima alcune funzionalità di base e poi riempirle iterativamente mentre ricevo feedback dagli utenti ".

Hai ammesso un punto debole (invece di "pronto, mirare, sparare" sei più un "pronto, mirare, mirare, mirare, solo un po 'per i dati, mirare, mirare ...") ma riconoscerlo e si stanno muovendo per affrontarlo.

Ricorda: dovrai lavorare con questa persona giorno dopo giorno per molto tempo. Li vedrai più della tua stessa famiglia. Qualunque cosa tu possa fare per capire le cose su di loro, dovresti fare.

2
Todd Williamson

Tuttavia, le interviste comportamentali non sono necessariamente una gran cosa. Qui è un collegamento a un post sul blog che, sebbene abbia più di un paio di anni, vale la pena menzionarlo su questo argomento.

Le risposte in scatola sono ciò che uccide l'efficacia della domanda, almeno per me. La maggior parte delle persone ha cercato varie risposte a questo e ne ha appena scelta una che sembra "Sì, sono un po ', forse un po' così."


Convalidare come qualcuno ha fatto qualcosa ha un paio di punti che noterei:

  • A volte si fa una cosa stupida che non è probabile che si ripeta. Quando qualcuno rovina regalmente ci possono essere alternative che la persona prenderà. Ad esempio, la maggior parte degli adulti non toccherebbe una stufa calda a mani nude, ma un bambino potrebbe non capire l'avvertimento e imparerà dopo essersi bruciato per non farlo.

  • I riferimenti sono dove esaminerei alcune cose qui. Ad esempio, se vuoi vedere come qualcuno ha gestito un progetto fallito, chiedere a un ex capo o collega potrebbe essere migliore in quanto un estraneo potrebbe avere una visione diversa delle cose. Tuttavia, alcune persone potrebbero falsare i loro riferimenti, quindi questo porta un avvertimento nella mia mente.

1
JB King

Vado attraverso una valutazione personale al momento, e sono nel mezzo di questo stesso esercizio. Solo che c'è una svolta; devo chiedere a colleghi e amici quali sono i miei punti di forza/di debolezza e non guardare il risultato prima di aver compilato la mia lista

Questo è molto interessante perché rende ovvie alcune discrepanze tra ciò che pensi di essere e ciò che gli altri percepiscono di te.

"Penso di essere un gran lavoratore, e sono molto serio e ..."

"È un maniaco del controllo ossessivo che programma in modo così difensivo il suo codice è illeggibile e ..."


Nelle interviste, penso che questo potrebbe essere una sorta di controllo di sanità mentale di basso livello. "Conosci le basi, ti sei preparato?" sembrano dire. O forse è solo che questa domanda era usata per inciampare le persone, per scuoterle.

Ma ora la domanda è così ampiamente conosciuta che è diventata inutile; gli intervistatori continuano a chiederlo per abitudine perché è quello che hanno imparato. Gli intervistati continuano a provare a preservare l'autoconservazione ...


Forse potrebbe essere aggiornato; invece di "qual è il tuo punto debole", chiedi "ehi, se potessi tornare indietro nel tempo un anno, qual è la cosa che vorresti cambiare di più?"

È probabile che l'intervistato abbia la possibilità di parlare di un momento in cui non è riuscito a raggiungere i suoi standard, ma in modo positivo: "beh, questo non ha funzionato, quindi avrei ... successo". L'intervistatore ha un'idea di ciò che l'intervistato non ha gradito e l'intervistato dimostra di aver imparato da un errore.

Lo stesso si potrebbe fare con i punti di forza: "se dovessi mostrare una cosa che hai fatto durante l'anno scorso, quale sarebbe?"

cosa ne pensi? Mantiene l'obiettivo della domanda originale ma con abiti migliori?

1
samy

Parlerò dalla posizione di un intervistato. Quando mi preparo per un'intervista, mi prendo sempre del tempo per pensare a queste domande. Alla domanda "I tuoi punti di forza" può essere più facile rispondere, perché tutti noi siamo orgogliosi dei nostri risultati e possiamo parlarne. In un'intervista le persone cercheranno quasi sempre di glorificare eccessivamente i loro risultati per cercare di apparire meglio. Quando si tratta della domanda "le tue debolezze", è molto difficile rispondere completamente onestamente e dire qualcosa di costruttivo e negativo su di te. In ogni caso, un intervistato sceglierà un punto debole piuttosto piccolo e non fornirà a un intervistatore alcuna informazione utile o cercherà di trasformare un punto debole in un "punto di forza". Ad esempio, "Penso che la mia debolezza sia che tendo a sovraccaricare me stesso". In ogni caso, tutte le debolezze e i punti di forza diventeranno evidenti durante il periodo di prova. Ecco a cosa serve: vedere se la relazione dipendente-datore di lavoro è reciprocamente vantaggiosa.

I precedenti datori di lavoro possono essere una migliore fonte di informazioni per questo tipo di domande. Chiedere referenze e follow-up.

1
ysolik

Penso che l'efficacia della domanda dipenda dalla tua capacità di leggere le persone. Un ragazzo che sta ovviamente dicendo cazzate ha maggiori possibilità di dirlo dopo quando lo assumi. Un ragazzo che dà una risposta in scatola rinuncia anche a un suggerimento inconscio sulla sua personalità (di solito inferisce una certa paura per l'autorità - che può essere una buona cosa - ma è ancora qualcosa che puoi dedurre sulla sua personalità).

Quindi no, non penso che la domanda sia inutile a meno che tu non sia abbastanza povero nel leggere le persone (è un'abilità). Tutte le domande morbide come questa è principalmente quella di conoscere il ragazzo e vedere se è adatto a te. Forse questa non è la domanda migliore per questo ed è del tutto ok non chiederlo se non ne hai voglia ma non penso che sia inutile come sembra che tu pensi.

0
n1ckp

Ho avuto questa domanda un po 'di tempo fa (non per un lavoro di programmazione però) che mi piaceva:

"Qual è lo standard ideale/'golden standard' [professione]?", seguito da "Come si confronta con quello?" e altri.

È molto simile, ma in qualche modo si dissocia descrivendo se stessi e descrivendo l'ideale (la più grande debolezza sarebbe dove c'è la più grande differenza, la forza: il più grande allineamento).

0
Nick T

Lo scopo della domanda "maggiore debolezza" è ampiamente frainteso!

L'idea non è di parlare della tua debolezza come persona (ad es. "Ragazzo, sono un maniaco del lavoro!"), È di darti l'opportunità di essere in anticipo su ciò che stanno già per scoprire. Riguarda quanto bene di una partita sei per i requisiti del lavoro.

Per esempio:

  • "Il tuo annuncio dice che vuoi un'esperienza di amministratore svn, ma ho lavorato solo con hg, tuttavia sono veloce nell'apprendimento."
  • "Il tuo annuncio dice che è richiesta una buona padronanza della lingua spagnola, ma ho preso solo due anni al liceo."

Naturalmente, dovresti fare lo stesso confronto delle tue abilità/esperienze anche per la domanda "massima forza".

Inoltre, se l'annuncio ti descrive davvero perfettamente, quando ti viene chiesto il tuo punto debole, dì semplicemente "Non credo che ce ne siano. Sono adatto per questo lavoro."

Sto cercando di immaginare come il significato originale di questa domanda debba essere interpretato erroneamente come personalità, e probabilmente succede quando a un intervistatore più giovane viene data la lista di domande da porre e non sanno cosa significhi. Se sei nella posizione di cambiarlo nella tua azienda, riformula la domanda per essere specifici: "Questo lavoro richiede A, B, C, quali sono i tuoi punti deboli in questi settori?" [La domanda in realtà fa un favore all'intervistato: il suo curriculum potrebbe non mostrare alcuna esperienza con X, ma potresti trovare qualcosa che compensi quello.]

0
Macneil