it-swarm.it

Quando va bene usare "label:", "in:" o "is:" in un filtro Gmail?

Quando si tenta di utilizzare una delle query label:, in: o is: in un filtro Gmail, verrà visualizzato il seguente avviso:

Avviso: le ricerche di filtro contenenti i criteri "label:", "in:" o "is:" non sono consigliate, poiché questi criteri non corrisponderanno mai alla posta in arrivo.

Tuttavia, se si desidera disabilitare il filtro antispam , è possibile ignorare in sicurezza questo avviso. Ci sono altre eccezioni?

25
Senseful

I filtri sono elaborati nell'ordine in cui esistono nell'elenco . Ciò significa che se un filtro viene dopo un altro, è possibile utilizzare uno di questi criteri di filtro speciali di cui ti avverte. Ad esempio, se si dispone di un filtro che mette in evidenza un messaggio, è possibile avere una regola al di sotto di esso utilizzare is:starred correttamente.

Alcuni criteri vengono persino applicati automaticamente prima dell'elaborazione dei filtri. Esempi sono i messaggi inviati allo spam (ovvero puoi usare is:spam) o un account POP3 che identifica la posta in arrivo. In questo caso l'ordine del filtro non ha importanza.

Ecco un elenco di criteri che è possibile utilizzare:

  • is:starred: se un filtro precedente ha contrassegnato il messaggio come Speciali, può essere utilizzato.
  • is:spam: se il messaggio è stato automaticamente contrassegnato come spam, è possibile utilizzare questo criterio.
  • is:read: se la proprietà read del messaggio non è stata modificata (ovvero rimane non letta), ciò non corrisponderà. Se un filtro precedente ha contrassegnato un messaggio come letto, questo corrisponderà.
  • is:unread: l'opposto di is:read.
  • label:example: se un filtro precedente ha etichettato un messaggio, questo può essere usato. (Notare che le cassette postali come la posta in arrivo funzioneranno. Cioè, label:inbox funzionerà.)
  • label:[email protected]: se il tuo account di posta è impostato per leggere un altro account tramite POP3 ed è impostato per etichettare automaticamente tutte le e-mail da quell'account, è possibile utilizzare i criteri label: poiché verrà prima etichettato il messaggio e solo quindi esegui il filtro.
  • in:trash: potresti pensare che se un messaggio viene eliminato da un filtro precedente, gli altri filtri smetterebbero di funzionare, ma non è così.
  • in:inbox: le due cose che influiscono su questo sono "Salta la posta in arrivo" e "Elimina".
  • in:anywhere: è inutile, ma funziona.

Criteri che non puoi usare:

  • in:sent: quando si invia un messaggio, elaborerà prima i filtri e solo allora verranno considerati sent, pertanto non è possibile utilizzare i criteri in:sent in un filtro.

Non testato (lo aggiornerò mentre collaudo questi):

  • is:muted
  • is:chat
  • is:important
23
Senseful

Probabilmente è solo un messaggio di avvertimento per le persone ignare che quelle parole chiave sono riservate e hanno un comportamento speciale.

1
matpie