it-swarm.it

Qual è il paradigma UI / UX più efficace per la moderazione dei commenti in un CMS?

Ho lavorato su un CMS Web e mi sto avvicinando al punto in cui implementerò i commenti e la moderazione dei commenti. Quali sono alcuni modi comuni in cui la moderazione dei commenti viene gestita da una prospettiva UI/UX? Quali sono i punti di forza di tali metodi e cosa potrebbe migliorare il processo? Quali altri CMS lo fanno bene? Non così bene? Perché?

Sto specificatamente cercando suggerimenti in termini di layout, flusso di lavoro e strategia generale per commentare la moderazione per volumi elevati di commenti. Sono aperto a suggerimenti sia per l'area di amministrazione sia per una moderata moderazione da parte del pubblico che affronta parte del software, anche se a questo punto mi piacerebbe stare lontano dai servizi di terze parti.

7
Virtuosi Media

Ho creato un sistema di moderazione dei commenti per un sito con 50k nuovi post al mese in cui ogni post potrebbe contenere N commenti.

Il nostro approccio era quello di utilizzare i pulsanti flag per moderazione vicino a ciascun post e su ciascun commento, che eseguivano una chiamata Ajax al back-end di moderazione e avvisavano l'utente del azione. Nel backend, i moderatori avevano accesso a due elenchi separati che mostravano tutti i post e i commenti contrassegnati .

L'idea qui era che i moderatori vorrebbero agire sui post e sui commenti separatamente a causa della loro natura (i post potrebbero incitare commenti contrassegnati, ad esempio). L'elenco è stato ordinato in base al numero di volte in cui un oggetto è stato contrassegnato in modo che le mod potessero facilmente vedere dove stavano accadendo cose strane, poiché gli utenti del sito erano generalmente veloci a messaggi di bandiera di massa se le cose stavano andando male.

Per articolo, le mod potrebbero vedere rapidamente l'intero contenuto del post passandoci sopra con il mouse, oltre a fare clic su un'icona per andare direttamente al post nel contesto (perché a volte non è immediatamente chiaro se qualcosa è offensivo senza di essa). Potrebbero rapidamente spam, cestino o nascondere temporaneamente anche il post da quell'elenco, e in seguito abbiamo creato collegamenti che hanno permesso loro di dirigersi direttamente al profilo dell'utente che ha pubblicato per vedere la cronologia dei post dell'utente, che li ha aiutati a prendere decisioni. Da quella pagina del profilo potrebbero anche vietare l'IP all'utente , anche se non abbiamo raccomandato di farlo poiché i divieti IP sono poco più che una soluzione di stopgap. (Intendevamo costruire un sistema sandbox in cui gli autori di reato di ritorno erano inscatolati nella loro versione del sito in cui i loro commenti apparivano ancora, sebbene nessun altro utente potesse vederli, ma non siamo riusciti a implementarlo).

Dato che il sistema di moderazione aveva più moderatori, era importante che i moderatori sapessero chi stava facendo cosa, quindi non stavano lavorando con gli stessi post. A tal fine avevamo un'opzione molto semplice in cui le mod potevano indicare che stavano lavorando con un oggetto , che avrebbe semplicemente indicato in un punto culminante ad altre mod che l'oggetto è stato attualmente ispezionato. Quando si intraprendono azioni significative, ad esempio il divieto o l'eliminazione dell'IP, sono necessarie le mod per scrivere una nota sul perché hanno intrapreso tale azione in modo che se essere ripristinato o se dovesse succedere qualcos'altro, tutte le mod saprebbero cosa sta succedendo.

Infine, il frontend del sito ha aggiunto i controlli per le mod per pubblicare le pagine quando sono state registrate in modo da non dover fare clic avanti e indietro tra il backend e il sito per tutto il tempo se incontrano qualcosa durante la semplice navigazione. Questo è stato implementato come una richiesta dalle mod dopo che il sistema era attivo da un po ', ed è stato piuttosto determinante nel mantenere la felicità del moderatore ;).

Quindi, i punti chiave da questo sistema:

  • I post che richiedono attenzione sono contrassegnati dagli utenti
  • I post contrassegnati vengono ordinati in base al numero di "voti"
  • Ogni post contrassegnato ha azioni: visualizzazione contestuale, spam/cestino/nascondi, ecc.
  • Post e commenti sono separati in elenchi diversi
  • Le mod possono assegnare oggetti a se stesse in modo che altre mod sappiano di non andare lì
  • I ban IP non funzionano davvero, costruisci un sandbox se hai tempo
  • Richiede le mod per comunicare tra loro aggiungendo note alle azioni che intraprendono
  • Rendilo davvero facile da usare in modo che le mod possano passare rapidamente attraverso diversi elementi in una singola sessione
  • Supporta controlli rudimentali nel frontend

Spero che aiuti. Ci siamo divertiti molto a capire questo sistema. FWIW, il sito web di cui sto parlando è Buurtlink (in olandese), che è un sito della comunità in cui inserisci il codice postale e vedi i messaggi nella tua area geografica. Ha 700k utenti e oltre 2 milioni di post in 2 anni dal lancio.

Oh, per quanto riguarda i modelli: quanto sopra è stato progettato in parte esaminando come la maggior parte dei principali software per forum gestisce la moderazione, così come i software per blog come Wordpress, che ormai è diventato abbastanza abile nell'offrire un'interfaccia utente facile da usare. Abbiamo anche esaminato il controllo dello spam nei software di posta elettronica come Gmail e Thunderbird. Tutto ciò è stato combinato con un sacco di buon senso e le esigenze specifiche del nostro team di moderazione, nonché con gli obiettivi aziendali del cliente (non c'è molto budget per far sì che i moderatori impieghino molto tempo a fare moderazione, ad esempio).

10
Rahul

Puoi anche avere periodi di quarantena, ovvero autoapprovare solo dopo dire, x secondi o minuti, offrendo la possibilità di richieste di campionamento. In combinazione con Mechanical Turk, puoi moderare gli oggetti per pochi centesimi, come http://socialmod.com .

Ciò che potrebbe ridimensionarsi meglio è che potresti anche avere trigger per la quarantena come

  1. numero di link in posta,
  2. numero di parole che sono state rimosse da un filtro volgarità (hai un filtro volgarità giusto?),
  3. numero di post pubblicati da un utente in x minuti, ecc.
1
Julian H